A seguito dell’emergenza Coronavirus, gli enti di certificazione, con l’obiettivo di assicurare la continuità operativa delle attività di certificazioni, ispezioni, verifiche, prove e tarature svolte dagli organismi e dai laboratori accreditati, si sono affidati, in affiancamento ai processi di audit usualmente condotti face to face, alla metodologia dell’audit “da remoto”, un’opportunità non così “nuova” nell’ambito della certificazione dei sistemi di gestione, essendo un’opzione introdotta sin dall’edizione del 2011 della ISO 19011 (Appendice B).

L’utilizzo dell’audit da remoto, oltre che a far fronte all’emergenza, potrà diventare uno strumento da utilizzare in futuro grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie di informazione e comunicazione (ICT) e l’evoluzione dei sistemi di gestione di matrice ISO (come la comprensione del contesto e l’adozione del risk based approach/thinking), che ben si prestano ad un efficace ed efficiente utilizzo dell’opzione di audit da remoto.

In questo momento l’audit da remoto è stato un passaggio obbligato, mentre in futuro potrebbe rivelarsi un potente strumento a disposizione dei soggetti coinvolti. Ad esempio divenire un’opzione praticabile non solo per rispondere a un’emergenza, ma anche per adottare logiche di sostenibilità, oppure diventare un elemento integrante delle prassi di business continuity, a partire dalla business impact analysis e dalla ricerca di strategie e soluzioni.

Euroinfoteam vi può aiutare a certificare la vostra azienda. Contattaci per informazioni: segreteria@euroinfoteam.com – 0571-526983

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *