GDPR: le preoccupazioni delle imprese secondo il report di NetApp

A poco meno di 40 giorni dalla scadenza ufficiale per l’adeguamento ai termini del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) del 25 maggio 2018, NetApp (l’autorità dei dati per il cloud ibrido) ha pubblicato i risultati di una ricerca a livello mondiale. Il sondaggio rivela che il  GDPR è ancora una preocuppazione per le aziende europee ed americane.

I principali risultati evidenziano che:

  • Il 35% delle aziende, a livello mondiale, ritiene che il GDPR potrebbe minacciare la loro stessa esistenza, mentre il 51% pensa che potrebbe danneggiare la propria reputazione aziendale.
  • Il 67% delle aziende è preoccupato di non rispettare la scadenza. 
  • Solo il 40% degli intervistati si sente sicuro su dove sono archiviati i propri dati.

In prossimità del 25 maggio , le aziende sono ormai ben consapevoli di quale sarà l’impatto per la non conformità.

Oltre un terzo (35%) dei responsabili IT a livello globale ha affermato che le sanzioni finanziarie potrebbero mettere a rischio la sopravvivenza delle loro imprese. Questo numero è ancora più elevato negli Stati Uniti (40%) e nel Regno Unito (41%), mentre sono preoccupati della stessa cosa il 34% dei francesi e il 26% degli intervistati tedeschi.

Nel report di NetApp gli intervistati hanno condiviso anche le proprie opinioni su potenziali danni a livello reputazionale. Questa preoccupazione è più pressante nel Regno Unito, dove il 56% degli intervistati ha affermato che l’impatto con la  non conformità causerà danni alla reputazione della propria azienda, seguito dagli Stati Uniti con il 52%, dalla Francia con il 49% e dalla Germania con il 45%.

Secondo il GDPR, ogni azienda che abbia a che fare con i dati personali di un cittadino UE deve sapere dove sono conservati i propri dati in ogni momento. Questa conoscenza è il primo passo verso la conformità al GDPR. Tuttavia, il sondaggio mostra che, solo il 40 % degli intervistati  ha dichiarato di sentirsi consapevole al riguardo.

Dierk Schindler, responsabile Legal & Global Legal Shared Services di NetApp EMEA, ha affermato che queste ultime settimane e oltre dovrebbero tradursi nella motivazione necessaria per andare verso la conformità e per manternela .

 Il sondaggio, completato da Opinion Matters nel marzo 2018, ha coinvolto 1.106 dirigenti, CIO, responsabili IT o altri responsabili coinvolti nelle decisioni di acquisto IT di aziende con 100 o più dipendenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *