Regione Toscana – Bando Por Fers 2014-2020 Sostegno alle MPMI

TITOLO DEL BANDO: Por Fers 2014-2020 (BANDO A) Sostegno alle MPMi per l’acquisizione di servizi per l’innovazione

ENTE EROGATORE: Regione Toscana

OGGETTO DEL BANDO: Il bando punta a incentivare, sotto forma di voucher, investimenti strategici in attività di:

  • collaborazione tra imprese ed organismi di ricerca mediante attivazione di contratti di ricerca per dottorati industriali, ricercatori a tempo determinato, assegni di ricerca;
  • utilizzazione di laboratori  di prove e test e di dimostratori tecnologici presenti nel repertorio regionale;
  • incubazione nelle strutture riconosciute a livello regionale;
  • accompagnamento e consolidamento di particolari categorie di imprese o di componenti  di  filiera di produzione o di ambiti tecnologici.

DATA DI SCADENZA: Domande online dalle ore 9.00 del 17 dicembre 2018 fino ad esaurimento risorse disponibili.

IMPORTO MESSO A BANDO: 4 miloni 600 mila euro, di cui:

  • 2 miloni (riferimento Piano finanziario Por Fesr Azione 1.1.2 A) per le sezione di raggruppamento del Manifatturiero;
  • 2 milioni 600 mila(riferimento  Piano  finanziario  Por Fesr azione  1.1.2  B)  per  le  sezioni  del  settore  Turismo,  commercio  ed  attività  terziarie  come  definite  nella  delibera  della  Giunta  regionale n. 643 del 28 luglio 2014.

BENEFICIARI:

  1. Micro, piccole e medie Imprese (MPMI) compresi i liberi professionisti
  2. Reti di imprese con personalità giuridica (Rete – Soggetto, solo se costituite da tre micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità locale all’interno del territorio regionale), Consorzi, Società consortili.

REQUISITI:

I soggetti di cui precedenti punti a) e b) sono ammissibili se esercitanti un’attività economica
identificata  come  prevalente  rientrante  in  uno  dei  Codici  Ateco Istat 2007  individuati  nella delibera   della   Giunta regionale n. 643   del   28/07/2014   e   dalla   stessa   distinti nelle sezioni di raggruppamento del Manifatturiero (che comprende industria, artigianato, cooperazione e altri settori) e del Turismo,  commercio ed attività terziarie.

 SPESE AMMISSIBILI:

Il progetto d’investimento innovativo dovrà  prevedere una o più delle seguenti attività:

  • studi di fattibilità
  • attività di innovazione, in particolare mediante:

a) acquisizione di servizi di consulenza in materia di innovazione
b) acquisizione di servizi di sostegno all’innovazione
c) acquisizione di personale altamente qualificato.

Il  progetto  potrà prevedere  anche  la  combinazione  di  due  o  più  tipologie  di  servizi  previsti  nel Catalogo, ma la spesa massima ammissibile non può essere superiore a 100.000 euro. Il costo totale non dovrà invece essere inferiore a 15.000€.

I  servizi  che  nel  Catalogo  prevedono  una  spesa  massima  ammissibile  inferiore  ad  15.000 euro  dovranno essere  obbligatoriamente  combinati  con  altra  tipologia  di  servizio  previsto nel Catalogo onde garantire il raggiungimento della spesa minima ammissibile

 MODALITÀ DI FRUIZIONE DEL FONDO:

La domanda di agevolazione, firmata digitalmente e accompagnata dalle autocertificazioni e dalla documentazione richiesta, dovrà essere presentata solo online  sulla piattaforma del sito si Sviluppo Toscana s.p.a. www.sviluppo.toscana.it, previo registrazione e rilascio delle credenziali di accesso alla piattaforma stessa del sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *